Dialogo interculturale

La storia del Patachitra della Bicocca

La storia del patachitra della Bicocca

Dal 7 al 20 gennaio 2015, un gruppo di 25 studentesse e studenti dell’Ateneo di Milano-Bicocca, accompagnati da sei docenti ed esperti, ha trascorso un periodo di formazione in India per conoscere e approfondire il significato sociale e pedagogico dei Patachitra, tipici manufatti artistici realizzati dalle donne Chitrakar del West Bengala.

L’idea di questo progetto rappresentava la naturale continuazione della “Terza giornata Interculturale” realizzata lo scorso anno da BMW Italia e l’Università di Milano-Bicocca.

Il Patachitra-Bicocca è un manufatto artigianale artistico realizzato dalle studentesse e dagli studenti dell’Ateneo Bicocca in occasione della prima edizione della Winter School India.

Nel corso di una piccola cerimonia ufficiale il Patachitra è stato donato al Rettore dell’Ateneo, prof.ssa Maria Cristina Messa, dagli studenti, dalle docenti che hanno ​organizzato la Winter School India (Giusti e Chakraborty) e da Roberto Olivi di BMW Italia, che ha sostenuto l’iniziativa, supportando gli studenti e i docenti nel viaggio. ​

Dopo la donazione, gli uffici logistici dell’Ateneo hanno incorniciato e valorizzato al massimo il pregevole manufatto che ora si trova appeso a una parete dell’atrio dell’Edificio U6, come immagine di benvenuto e di accoglienza.

il 3 e 4 novembre 2016 di fronte al Patachitra-Bicocca si sono svolte le prime due lezioni con la presenza delle docenti Mariangela Giusti, Urmila Chakraborty, Daniela Cattaneo. Dopo avere introdotto brevemente la tecnica artistica di produzione, il Patachitra-Bicocca è stato raccontato e descritto nei vari quadri che lo compongono.

Il Patachitra-Bicocca è infatti il racconto per immagini di un viaggio reciproco da Milano all’India. Nella parte alta le immagini raccontano il viaggio delle donne artiste Chitrakar quando sono state invitate dal “Museo del fumetto” di Milano per la grande mostra dei Patachitra (nel 2012); nella parte più bassa le immagini raccontano il viaggio delle studentesse e degli studenti al Villaggio Naya per visitare il progetto “Art for Life”, patrocinata dall’UNESCO, per la valorizzazione dei lavori artigianali delle donne e per il loro empowerment.
La lezione è stata molto interessante.

Gli studenti si sono appassionati e si sono stupiti di trovare nel dipinto tanti particolari che non avevano notato vedendo il manufatto artistico in modo superficiale.

Mariangela Giusti, Docente della Università degli Studi di Milano Bicocca

Nessun commento

Lascia un commento