Inclusione sociale

Alex Zanardi torna in una gara ufficiale del DTM a Misano il prossimo mese di agosto.

Alex Zanardi torna in una gara ufficiale del DTM a Misano il prossimo mese di agosto.

Il pilota BMW Alessandro Zanardi (ITA) ritorna al volante di un’auto da corsa: al DTM a Misano (25/26 agosto) il 51enne farà la sua apparizione alla guida di una BMW M4 DTM.

L’organizzazione a cui fa capo DTM, ITR, così come le altre case automobilistiche coinvolte nel DTM, Audi e Mercedes-Benz, hanno dato il via libera all’ospite. Gli ingegneri della BMW M Motorsport, che hanno lavorato con Zanardi in passato, stanno collaborando con lui per sviluppare un sistema che modifichi la BMW M4 DTM in base alle sue esigenze.

La sua presenza alla gara del DTM a Misano è un altro passo verso Daytona (USA), dove il pilota italiano parteciperà alla “24 Ore di Daytona” nel gennaio 2019.

La preparazione di Zanardi come guest driver d’onore per la gara inizierà questo fine settimana (dal 1 ° al 3 giugno), quando accompagnerà i team e i piloti BMW DTM all’Hungaroring vicino a Budapest (HUN), per familiarizzare con i dettagli delle procedure, strutture e processi nel DTM. Nelle prossime settimane si prevedono anche la preparazione specifica e il test drive. Le date e le località saranno annunciate in un secondo momento.

Alex Zanardi, pilota e BMW Brand Ambassador del marchio BMW ha già visitato numerosi eventi DTM ed è stato più volte al volante di un’auto da corsa BMW DTM. Dopo aver vinto due medaglie d’oro ai Giochi Paralimpici di Londra (GBR), Zanardi ha completato un test dai risultati impressionanti su una BMW M3 DTM modificata al Nürburgring (GER) nel 2012.

Alla finale del DTM 2015 a Hockenheim (GER), Zanardi era al volante del taxi da corsa BMW M4 DTM. Tuttavia, questa è la prima volta che Zanardi partecipa ad una gara DTM.

Zanardi ha ottenuto successi alla guida di auto da corsa BMW per molti anni. Nel 2003 – a soli due anni dal suo incidente nella gara di Formula CART al Lausitzring (GER) in cui ha perso entrambe le gambe – ha partecipato alla finale del Campionato Europeo Turismo (ETCC) a Monza (ITA) con una BMW 320i specificamente riadattata alle sue necessità per la gioia dei fan.

Il 2004 ha visto Zanardi gareggiare per l’intera stagione dell’ETCC e, tra il 2005 e il 2009, al Campionato Mondiale Turismo FIA (FIA WTCC) con il BMW Team Italy-Spain – ROAL Motorsport. Il 28 agosto 2005 Zanardi ha fatto scalpore a Oschersleben (GER) quando è diventato il primo pilota diversamente abile a vincere una gara del campionato del mondo. Ha ottenuto quattro vittorie nel WTCC della FIA. Dal 2010, Zanardi si è dedicato alla sua seconda passione, il para-ciclismo. Anche in questa disciplina ha iniziato una carriera di successo, vincendo, ad oggi, un totale di quattro medaglie d’oro Paraolimpiche e dieci titoli mondiali.

Il 2014 ha segnato il ritorno di Zanardi in pista e lo ha visto gareggiare per l’intera stagione della Blancpain GT Sprint Series con una BMW Z4 GT3 modificata. Successivamente, nel 2015, con Timo Glock (GER) e Bruno Spengler (CAN), ha partecipato alla 24 Ore di Spa-Francorchamps (BEL) con una BMW Z4 GT3.

Il trio ha lottato per la top five in classifica, ma un difetto tecnico li ha costretti a ritirarsi nell’ultima ora di gara. L’ultima gara ufficiale di Zanardi è stata il 16 ottobre 2016 come guest driver nella finale di stagione del Campionato Italiano GT al Mugello (ITA). Qui ha debuttato nella BMW M6 GT3 celebrando una clamorosa vittoria alla fine della gara di domenica.

Nessun commento

Lascia un commento