Culture

Dialogo interculturale

Inclusione sociale

Sicurezza stradale

Sustainability

    Inclusione sociale

    Se fossi comandante del mondo intero…

    Se fossi comandante del mondo intero…

    “Se tu fossi comandante del mondo intero, cosa faresti per proteggere i bambini da questi divieti?” Questa è la domanda che abbiamo rivolto agli iscritti del nostro doposcuola in occasione di Illuminiamo il futuro, il progetto contro la povertà educativa promosso da Save The Children – progetto al quale Fronte del Borgo ha aderito con gioia.

    I divieti ai quali facevamo riferimento (nient’altro che una provocazione grafica, naturalmente: è la trovata con cui STC ha voluto rappresentare la situazione tragica nella quale ancora oggi versano moltissimi minori in ogni parte del globo) erano i più disparati…

    Dal divieto di fare sport a quello di leggere e studiare, dal divieto di andare al cinema a quello di usare computer, video-fotocamera, strumenti musicali. E le risposte date dai nostri piccoli eroi, cioè bambini tra i 7 e gli 11 anni, bambini di origini marocchine, tunisine, cinesi, egiziane, ma – prima di tutto – bambini di Borgo Dora, hanno presentato gli approcci più creativi.

    Ameer (7 anni, egiziano), ad esempio, scrive: “Costruirei dei tunnel per collegare tutti i campi da gioco del mondo” e permettere a tutti di allenarsi in barba a qualsiasi proibizione. E il teatro, invece? “Lo insegniamo a scuola, per legge!”. E che facciamo se non tutti hanno libero accesso ai luoghi di studio e di divertimento? Semplice: “Costruiamo tante, tantissime scuole in più.

    Regaliamo libri di scienze ai bambini. Impariamo a progettare computer di carta”. Sabrina (8 anni, marocchina) propone invece: “Mettiamo un parco-giochi vicino a tutte le case; regaliamo palloni, tute da ginnastica, libri, chitarre e costumi teatrali; troviamo dei bravi insegnanti e affidiamo loro i bambini; costruiamo cinema gratis [sic!]”. Mohamed immagina tanti corsi di recitazione gratuiti, “libri spaziali” in regalo per tutti, proiezioni casalinghe e concerti rock in piazza che siano davvero accessibili a chiunque; decide anche, da vero comandante, di donare a ogni bambino “una videocamera per registrare i momenti più tosti, belli e divertenti”.

    Kawtar si pone il problema dell’energia elettrica, che dovrebbe arrivare in ogni angolo del pianeta; Zhenfu stabilisce che si costruiscano “10000000000000000 aule per imparare a suonare” e chiede che siano i nonni a insegnare teatro ai nipoti, oltre a stabilire per legge che i computer non abbiano virus. Nada istituisce “coordinatori scolastici super speciali” e uno spazio gratuito che contenga “tutte le meraviglie del mondo”. Ilyass punta a musei e biblioteche e inventa due consiglieri baffuti (Raf e Miki, li chiama) che lo aiutino a “risolvere i problemi di tutti i bambini del mondo”.

    Non possiamo che augurarcelo tutti, non credete? Nel frattempo, partiamo da qui. E da un mare di aeroplanini di carta coi quali raggiungere il futuro più in fretta.