Culture

CASTELLANETA – CIAO RUDY.
NONO RACCONTO DI GIORGIO TERRUZZI PER IL PROGETTO “PRENDI LA TARGA” IN COLLABORAZIONE CON BMW E IFOODIES

CASTELLANETA – CIAO RUDY

Castellaneta (TA) è dove si svolge il nono racconto del viaggio del giornalista e scrittore Giorgio Terruzzi. Il progetto “Prendi la targa, venti tappe italiane per fare memoria” è realizzato grazie alla partnership di BMW Italia con iFoodies. La pubblicazione delle venti storie raccontate dalla inconfondibile voce di Terruzzi è prevista con cadenza settimanale. Tutte le storie sono raggiungibili dal canale Instagram di BMW Italia, su www.bmw.it/prendilatarga, su www.specialmente.bmw.it e su www.ifoodies.it.

«Il suo nome è un marchio in circolazione permanente. Rodolfo Valentino. Rudy. “Ciao Rudy”, come da celeberrima commedia firmata Garinei e Giovannini, Marcello Mastroianni protagonista, Armando Trovajoli musicista. Valentino: un latin lover. Anzi “il” latin lover. Amante e amato, una star da Hollywood, da cinema. Muta e onnipresente, all’alba del Novecento.

Tutti lo conobbero, lo conoscono, ma la sua scia è in chiaroscuro, nonostante la potenza dei riflettori. Primo capitolo: Castellaneta, Taranto, Puglia, la “Città del Mito” in ossequio a quel figlio nato qui il 6 maggio 1895. C’è una targa sulla casa natale dipinta di giallo e rosso. Un museo, un monumento in ceramica blu. Rodolfo nei panni dello sceicco, il personaggio che gli diede notorietà universale. E’ una statua che non rende giustizia al magnetismo della star. Lo sguardo rivolto verso case senza passato, alla base di un paese tramortito dal caldo estivo. Muri bianchi sopra una altura lieve, il mare là in fondo, il confine con la Basilicata vicinissimo, una strada assolata che porta a Matera. Il viaggio di Rudy, partito da qui, pare una impresa, il vero spettacolo.

Rodolfo Pierre Filibert Raffaello Guglielmi di Valentina d’Antonguella.»

Pubblichiamo come di consueto l’inizio del racconto, inserito nel progetto “Prendi la targa”, che è possibile ascoltare interamente, letto dalla voce di Giorgio Terruzzi, qui:

 

La pubblicazione dei restanti contenuti editoriali avverrà con cadenza settimanale ogni martedì.

Nessun commento

Lascia un commento